ADMO Piemonte vive grazie alle elargizioni dei suoi sostenitori. CONTRIBUIRE CON UN'OFFERTA vuol dire  sostenere le nostre attività per cercare sempre più Donatori di Vita. Potrai aiutarci con:

 

 IL 5 PER MILLE

A te non costa niente, per noi vale molto! E' sufficiente indicare il codice fiscale
94521640014
nell'apposito spazio "sostegno al volontariato

 IN BANCA O ALLA POSTA

con bonifico bancario su

IBAN IT 25 B033 5901 6001 0000 0062 547
oppure  sul conto corrente postale
 n. 34123109
entrambi intestati a ADMO "Rossano Bella" Regione Piemonte ONlus. Erogazione con possibilità di detrazione/deduzione fiscale. *

UTILIZZANDO PAY PAL

Enter Amount

Joomla Paypal Donations Module

per donare in modo facile, veloce e sicuro

ACQUISTANDO LE NOSTRE BOMBONIERE

Bomboniere
Per le grandi  occasioni potrete scegliere le bomboniere dell'ADMO realizzate in collaborazione con la Ditta Cin Cin di Torino. Tutte quante sono complete di pergamena solidale ADMO, acquistabile anche a parte

 

 

Le Onlus iscritte all'Anagrafe omonima come ADMO Piemonte possono dare l'opportunità ai propri donatori di ottenere un  risparmio d'imposta, facendo loro applicare in alternativa due normative differenti, sempre che siano soddisfatte determinate condizioni.

Criteri di applicabilità per la detrazione/deduzione fiscale

Il sostenitore, per ottenere un risparmio d'imposta, deve effettuare l'erogazione tramite banca o conto corrente postale, con assegni o carte di credito. La donazione in contanti non consente al donatore di beneficiare di alcuna agevolazione.

Erogazione da pesone fisiche

L'erogazione effettuata a favore di una Onlus è detraibile al 26% a partire da quelle effettuatae dal 2015 (Art. 15, c. 1.1, DPR 917/86 come modificato da art. 1, c. 137, lettera a e 138, L. 194/14) fino ad un'erogazione massima di 30.000 Euro  oppure è deducibile fino al 10% del reddito complessivo e per un valore massimo di 70.000 Euro.

L'erogazione da persone giuridiche (aziende)

L'erogazione effettuata a favore di una Onlus è deducibile, a partire dal 2015, fino al valore maggiore tra il 2% del reddito complessivo  e 30.000 Euro (Art. 100, c. 2, lettera h, DPR 917/86, come modificato da art. 1, c. 137, lettera b e 138, L. 190/14) o deducibile, alternativamente nei limiti sopra esposti, fino al 10% del reddito complessivo per un valore massimo di 70.000 Euro.